APRITE LA PORTA

APRITe LA PORTA

SACERDOTI: Sbarrate la porta.
Sbarrate la porta.
La porta è sbarrata.
Siamo salvi. Siamo salvi.
Non ardiscono irrompere.
Non possono irrompere.
Non ne hanno la forza.
Siamo salvi. Siamo salvi.

Entra deciso
TOMMASO: Disserrate le porte! Aprite le porte!
Non voglio che la casa della preghiera, la chiesa di Cristo,
Il santuario, sia mutato in fortezza.
La Chiesa proteggerà i suoi, alla sua maniera, non
Come la quercia e la pietra; la pietra e la quercia si corrompono
Non danno saldezza, ma la Chiesa durerà.
La chiesa dev’essere aperta, anche ai nostri nemici.
Aprite la porta!
[…]
Voi mi credete incauto, disperato e pazzo.
Voi concludete dai risultati, come fa il mondo,
Per decidere se un’azione è buona o cattiva.
[…]
Non è nel tempo che la mia morte sarà conosciuta;
La mia decisione è presa fuori del tempo
[…]
Io do la mia vita
Per la Legge di Dio sopra la Legge dell’Uomo.
Disserrate la porta! Disserrate la porta!
Noi non siamo qui per trionfare con la lotta, con lo
stratagemma, o con la resistenza,
Non a combattere con bestie simili a uomini. Noi abbiamo
combattuto la bestia
E abbiamo vinto. Dobbiamo solo conquistare
Ora, con la sofferenza. Questa è la vittoria più facile.
Ora è il trionfo della Croce, ora
Aprite la porta! Io lo comando. APRITE LA PORTA!

[…]
CAVALIERI: (Un verso ciascuno.) Dov’è Becket, il traditore del
Re?
Dov’è Becket, il prete intrigante?
Vieni giù Daniele nella fossa dei leoni,
Vieni giù Daniele per il marchio della bestia.
Vi siete lavato nel sangue dell’Agnello?
Vi siete marchiato col marchio della bestia?
Vieni giù Daniele nella fossa dei leoni,
Vieni giù Daniele ed unisciti alla festa.
Dov’è Becket, il ragazzaccio della Contrada Mercanti?
Dov’è Becket, il prete infedele?
Vieni giù Daniele nella fossa dei leoni,
Vieni giù Daniele ed unisciti alla festa.

TOMMASO: L’uomo giusto
Come audace leone, dovrebbe essere senza paura. Eccomi.
Non traditore del Re. Io sono prete
Un cristiano, salvato dal Sangue di Cristo,
Pronto a soffrire col mio sangue.
E’ questo il segno della Chiesa, sempre
Il segno del sangue. Sangue per sangue.
Dato è il Suo sangue per comprare la mia vita,
Dato è il mio sangue per pagare la Sua morte.
La mia morte per la Sua morte.

(T.S. Eliot, Assassinio nella Cattedrale)

DSC_0383 DSC_0385 DSC_0434 DSC_0396  DSC_0401 DSC_0403 DSC_0406 DSC_0400DSC_0409 DSC_0419 DSC_0420

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...