Il mare

I marinai a terra fanno pensare ad ospiti irrequieti…. Mai si libereranno della nostalgia del mare. (M.A. Stroksnes, Il libro del mare)
Ci sono cose che la gente non capirà mai su noi, gente di mare. Erroneamente pensano che vivere in una città di mare è come vivere in un villaggio turistico: per 9 mesi sei in letargo, tutto è chiuso, fermo, spento e poi per i tre mesi dell’estate non esiste riposo è tutta una festa, no una chiassosa vacanza. Che sciocchi! Il mare non è la spiaggia. Passeggiare in bikini sulla riva del mare o stendersi a prendere il sole sulla sabbia, come sguazzare in mezzo all’acqua salmastra è tanto banale quanto uscire al sabato pomeriggio per una passeggiata tra vetrine scintillanti. Il mare, quello vero è una nostalgia che ti fa sentire ospite ovunque, non importa quello che fai o dove sei. Hai un solo desiderio irrequieto, prendere il largo. Penso proprio che noi gente di mare non dovremmo mai lasciare il mare, allontanarci da lui. Togli acqua a un fiore e giorno dopo giorno lo vedrai morire. Priva dell’orizzonte la gente di mare e la vedrai morire ogni giorno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...