Capitolo 3: Across the border

E venne il giorno di andare a conoscere la famiglia di Anne. Fui sottoposto ad un duro tirocinio da parte di mia moglie sui modi e le maniere che vigono tra i germani in particolare tra i sassoni. La sua preoccupazione era che facessi brutta figura al primo impatto. C’è qualcosa di me che oscilla tra la bontà e la stupidità. Ho smesso di contare le volte che mi è stato detto che i buoni li fanno sempre fessi. Ciononostante non sono mai riuscito a cambiare. Sono e resto A Quite Man, come quello del film di Ford. Quello che Anne non poteva sapere e che se la mia presunta fessaggine (o scarsa virilità come spesso viene etichettato un uomo tranquillo) non ha mai trovato eco tra gli uomini e le donne molteplici erano i miei successi con gli “anziani”. Ora che ci penso quando ero un ragazzo un mio compagno di giochi mi disse che agivo e perlavo come un vecchio! Non mi stupisce dunque il mio singolare successo con chi è anagraficamente più avanti negli anni. Appartengo ad un’altra epoca e chi ha buon fiuto se ne accorge. Fu così anche con il papà e la mamma di Anne nonostante ancora oggi mi rammarico di non saper parlare la loro lingua.

Ad ogni modo quell’anno dovevo varcare il confine. Scelsi di farlo viaggiando in moto con Anne come co-pilota. Fu un azzardo. Mia moglie a differenza mia non aveva manifestato una grande resistenza in sella. Escogitai di tutto dagli indumenti chiari e traforati al casco bianco con mentoniera apribile alla pianificazione di tappe brevi all’inverosimile con soste in luoghi ameni e riposanti fino a decidere di entrare nuovamente in possesso di una BMW R1200GS Adventure, un autentica Mukka, come la definiscono in gergo gli appassionati,  la cui comodità è invidiabile anche da parte di moto ben più grandi. Ne avevo già possedute tre in passato ma i volumi e i pesi da superdotata di quelle moto mi avevano convinto mesi prima che era venuto il momento di cercare altro. Dovetti tornare nuovamente sulla mia decisione. Non ne fui del tutto dispiaciuto. Tra i tanti motori che ho guidato il boxer BMW resta il mio preferito.

Così con una moto carica di ogni bene partimmo alla volta della casa natale di Anne, oltre il confine

Tonight my bag is packed
tomorrow I’ll walk these tracks
that will lead me across the border

Tomorrow my love and I
will sleep ‘neath auburn skies
somewhere across the border

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...