Finita infinità

C’è una solitudine di spazio una solitudine di mare una solitudine di morte, ma faranno lega tutte quante a paragone con quell’estremo punto, quella polare ritrosia di un’anima ammessa a se medesima. Finita infinità (Emily Dickinson – P1695)